martedì 23 maggio ore 22.00 ingresso gratuito 

BELLAVISTA swing band ”

Pop Swing Manouche

martedì 23 maggio ore 22.00 ingresso gratuito 


BELLAVISTA swing band


Il progetto BellaVista nasce nel 2004 con l’intenzione di proporre un repertorio di grandi classici eseguiti nello stile “Jazz Manouche” di Django Reinhardt e del suo Quintette du Hot Club de France.


La ricerca, oltre che stilistica, è anche sonora, mediante l'utilizzo di strumenti rigorosamente acustici ed in particolare per le chitarre, l'utilizzo di copie della famosissima Selmer Maccaferri, resa celebre da Django, dal suono inconfondibile, tipico di questo stile.


Il repertorio comprende classici dello Swing Manouche (Minor Swing, Lulù Swing, Douce Ambiance etc.), standards americani (All of Me, On the Sunny Side of the Street, I’ll see you in my Dream etc,) brani tratti dalla nostra tradizione popolare italiana (A Zonzo, Voglio Vivere Così, Guarda che Luna, Mille Lire al Mese, Contessa etc.) e successi internazionali (Save a Prayer, A Forest, Sunny etc.)


Chitarra & Ukulele: Claudio Pietrucci

Contrabbasso: Cristian Furini

Rullante & Charleston: Marco Carnelli

Violino: Giulia Larghi

Voce: Marco D'Aura


Non è un titolo nemmeno troppo impegnativo: “Qui non è Parì”, è il nuovo disco Bellavista che non racchiude in sé alcuna pretesa in realtà, se non quella di poter essere ascoltato e assorbito con la giusta leggerezza nelle sue più piccole sfumature.
Per immergersi nell’ascolto di questo album immaginate di essere a piedi per Milano, nel culmine dell’amore appena iniziato… o appena finito; solo così potrete facilmente immedesimarvi nei racconti, nelle storie e nei sospiri di una piccola Milano italiana, viva di sentimenti semplici, come la gelosia o l’amore mascherato e avvolto da atmosfere fintamente indifferenti e più introspettive di quanto possa sembrare. Tutto questo e qualcosa in più è “Qui non è Parì” l’abum di esordio cantautorale dei Bellavista. Dodici brani inediti per il quintetto che suona e canta le atmosfere swing d’altri tempi. Riattualizzandole. Ma non tropp
o.