LIVE - Milano VENERDI 16 marzo  2018 o  ore 22.30 ingresso gratuito


Gospel Book Revisited

ROCK BLUES

#milano #livemusic #blues  #musicadalvivo  #concerto  #spettacolo  #milan #italy #ilmiglior locale di musica dal vivo

live@NidabaTheatre 

LIVE - Milano VENERDI 16 marzo  2018 o  ore 22.30 ingresso gratuito

Camilla Maina: vocals

Umberto Poli: guitar

Gianfranco Nasso: bass

Samuel Napoli: drums

Gospel Book Revisited (GBR) nasce a Torino nel 2014 ed è

formato da Camilla Maina (voce), Umberto Poli (chitarra),

Gianfranco Nasso (basso) e Samuel Napoli (batteria).

Nel nome della band troviamo le coordinate del progetto.

La passione per la musica nera e le sue radici è infatti il

connettore di musicisti con percorsi anche distanti, e la black

woman che accompagna il logo, disegnata dalla brasiliana

Carol Rossetti, ne è l’immagine.

La rivisitazione è assunta a metodo, punto d’equilibrio tra

filologia e creatività.

Il live, evocato dal ‘libro di canti’, è la dimensione privilegiata in

cui generosamente dare l’anima, o meglio il soul. In particolare

per un gruppo che si ispira alle jam band statunitensi.

Ma l’idea iniziale di celebrare le grandi interpreti femminili

della tradizione afroamericana rileggendone i classici vira

presto in un più ampio omaggio al blues.

Alla riscrittura si affianca la scrittura, portando all’integrazione

del repertorio di cover con brani originali.

E l’energia e la libertà del palco vengono messe alla prova

dello studio di registrazione.

Won’t You Keep Me Wild?, autoritratto in forma di EP, arriva

dopo questi rapidi scatti di crescita: “il diavolo e la sua musica”

intrappolati in studio per un trattamento rock, secondo una

scaletta fatta non solo di standard rivisti e corretti ma anche

di due inediti firmati dalla stessa band.

ENG:

Gospel Book Revisited (GBR) was founded in Turin in 2014 and

is made up of Camilla Maina (Voice), Umberto Poli (Guitar),

Gianfranco Nasso (Bass) and Samuel Napoli (Drums).

The very name of the band tells us the direction this project is

going. The passion for afro-american music and its roots is

indeed the catalyst between musicians with distant paths, and

the woman accompanying the logo, designed by the Brazilian

Carol Rossetti, represents the image.

Revision is taken as a method, a point of balance between

philology and creativity.

The live experience, evoked by the “Songbook”, is a place in time

in which the band dedicates its soul, or rather “l’anima”. This is

especially true for a group inspired by American jam bands.

But the initial idea of celebrating the great female performers

of the African American tradition reinterpreting the classics

soon turned into a wider tribute to blues.

Rewriting accompanies writing, leading to the integration of

the cover repertoire with original songs, and the energy and

freedom of the stage are put to the test of the recording studio.

Won’t you keep me wild?, self-portrait in the form of an EP,

comes after a period of rapid growth: “the devil and his music”

trapped in the studio for a treatment of Rock, according to a

playlist made up not only of revised and re-arranged standards

but also of two unpublished originals signed by the same band.