SHOW DETAIL

mercoledì 16 Gennaio

CHEAP WINE

Style: Rock
From: Italy
Artist website:

“I Cheap Wine del 2017 sono più che mai una band equilibrata, forte di un songwriting che, a dispetto delle fonti di ispirazione, ha acquisito una personalità ed uno stile all’insegna del calore e di un’energia che sorregge ma non esplode”.
(Federico Guglielmi, Blow Up)

“In Italia un altro gruppo di rock’n’roll così non esiste (né mi pare di poter ascoltare in giro per lo Stivale un altro chitarrista come Michele Diamantini, dal gusto sublime), fate quindi girare Dreams il più possibile sui vostri lettori.”
(Mauro Gervasini, Film TV)

“Ennesimo centro pieno”
(Eddy Cilìa, Audio Review)

“… i Cheap Wine sono la migliore rock band italiana.
E se dovessero passare dalle vostre parti, non fateveli sfuggire”.
(Marco Verdi, Buscadero)

cheap wine
„Cheap Wine, formazione pesarese tra le più attive sulla scena nazionale,

. Il concerto sarà l’occasione per conoscere il nuovo album dei Cheap Wine, intitolato “Dreams”

Con “Dreams” – che arriva a due anni di distanza dal disco live “Mary and the fairy” – si chiude la trilogia aperta da “Based On Lies” (2012) e proseguita con “Beggar Town” (2014). Durante questo percorso le coordinate musicali della band marchigiana si sono arricchite di nuove sonorità e nuove atmosfere.
I Cheap Wine sono Marco Diamantini (chitarra elettrica e acustica, voce, armonica), Michele Diamantini (chitarra elettrica e chitarra acustica), Andrea Giaro (basso e voce), Alan Giannini (batteria e percussioni) e Alessio Raffaelli (piano e tastiere). Nato nel 1997, il gruppo pesarese vanta la più lunga ed intensa storia di autoproduzione mai realizzata in Italia nell’ambito della musica rock. Nove album alle spalle, gratificati dai grandi consensi del pubblico e della critica specializzata, centinaia di concerti in Italia e all’estero, tante canzoni trasmesse da numerose emittenti radiofoniche in Europa e negli Stati Uniti hanno reso inossidabile la reputazione dei Cheap Wine, che nella dimensione live esibiscono il loro punto di forza: sul palco, infatti, questa formazione, impressionante per forza musicale e strumentale, riesce ad esprimere appieno la potenza del suo sound ed è capace di sintetizzare, attraverso una lettura del tutto personale, 50 anni di musica rock.“